Pubblicato da: Emanuele Codispoti | 23 marzo 2009

E’ un paese l’Italia…

…in cui regna la menzogna,


in cui il potere è di chi ha le conoscenze e le amicizie giuste.
E’ un paese l’Italia dove le bugie finiscono sulle pagine di un quotidiano.
Ed è un paese l’Italia in cui si camuffano da oasi protetta gli interessi di
una sola persona…
E’ un paese l’Italia… che ci ha rotto i COGLIONI!

 

Corriere della Sera, domenica 22 marzo 2009 (pag.
21)

Calabria Una pista per Suv e
parcheggi nell’ oasi di Sant’ Andrea Apostolo dello Ionio

La nipote di Visconti e la guerra
per le tartarughe «Salviamo la loro spiaggia»

Anna Gastel: no al progetto per
spianare le dune dove nidificano

ROMA
– A causa di un progetto comunale indifferente a ogni direttiva comunitaria,
rischia di scomparire da Sant’ Andrea Apostolo dello Ionio, sulla costa
calabrese, la tartaruga marina Caretta caretta, la cui evoluzione ha avuto
inizio trecento milioni di anni fa: in sua difesa si sono mossi Wwf,
Legambiente, Italia Nostra, ma soprattutto il Fai, animato da una consigliera
nazionale d’ eccezione. Figlia di Nane Visconti, una delle due amatissime
sorelle minori del regista Luchino, Anna Gastel viene da una famiglia in cui la
confidenza con gli animali e la natura è assoluta: «Ma fino all’ estate scorsa
non avevo mai visto nascere le testuggini. Una specie di miracolo cui ho
assistito sulla spiaggia quasi ogni notte, per un mese, assieme ai ricercatori
dell’ Università della Calabria e a centinaia di persone – racconta -.
Naturalmente bisogna fare estrema attenzione, anche se i bambini impazziscono
dall’ entusiasmo. I piccoli bucano la sabbia e vengono illuminati solo con una
lampada a infrarossi: hanno bisogno del buio, poiché riconoscono il mare dal
luccichio delle stelle che ci si specchiano dentro. Appena lo vedono partono
come frecce e in un attimo scompaiono fra le onde. Viaggeranno per gli oceani
di tutto il pianeta e poi, all’ età di vent’ anni, torneranno a deporre le uova
proprio sul lido in cui sono nati». Tutto sta nel ritrovarli, per quella data,
i tre chilometri e mezzo di sistema dunale integro e incontaminato di Sant’
Andrea Apostolo dello Ionio, un tratto di litorale ormai unico, pieno di gigli
di mare e crucianella marittima, sito di nidificazione anche del fratino:
specie protette da direttive Cee Habitat. Nel 2006 è la spiaggia più votata d’
Italia, con 1.955 preferenze, nel censimento biennale «I luoghi del cuore»
organizzato dal Fai con Banca Intesa San Paolo, così si avviano le pratiche per
rendere l’ area oasi protetta. Ma gli amministratori del comune di Sant’ Andrea
Apostolo dello Ionio la pensano in altro modo. Ritengono che il futuro e la
valorizzazione vadano nella direzione di un lungomare attrezzato, parcheggi,
lidi, centri nautici, rotatorie e altre imprese per cui nell’ aprile 2008 viene
adottato un piano spiaggia che le prevede. Subito Fai, Italia Nostra e
Legambiente ricorrono al Tar della Calabria, ma a fine luglio ruspe e trattori
già spianano 800 metri
di dune, disintegrando vegetazione e eventuali nidi. Viene realizzata una pista
che tra l’ altro facilita a Suv e moto l’ accesso al resto dell’ arenile. «Di
questa pista chiediamo subito la chiusura e il sequestro – dice Anna Gastel –
confidiamo molto nella Soprintendenza, poiché si tratta di opere abusive su un
luogo che ricade anche nei vincoli previsti dalla legge Galasso; si
auspicherebbe dunque l’ intervento dei carabinieri del Noe. Quel che è stato
distrutto è perduto per sempre, ma il resto va difeso a ogni costo. Come non
capire che un simile patrimonio costituirebbe anche un’ attrazione turistica
straordinaria?». «È di queste ultime ore – annuncia sollevato Gregorio
Carratelli, presidente del Fai Calabria – la notizia che sull’ area è stato
posto il vincolo. Si sono riuniti Soprintendenza, Provincia, Ministero e
Comune, l’ unico contrario. Ora devono passare 90 giorni, poi il sogno dell’
oasi protetta dovrebbe farsi meno lontano».

 


Intanto,
giusto per far capire agli amici lettori quanto probabilmente poco ne sa chi ha
scritto l’articolo vi segnalo subito l’errore della prima riga: Jonio si scrive
con
la J, NON con la I! Adesso cominciamo.

Per l’ennesima volta mi trovo qui a ripetere che le tartarughe Caretta Caretta
NON nidificano sulla spiaggia di
Sant’Andrea, non l’hanno mai fatto in 3.000 anni e mai lo faranno! Le uova che
c’erano quest’estate su quella spiaggia sono state spostate lì (perchè si
pensava che il luogo fosse più sicuro?!?) da San Sostene, dove un’enorme
testuggine le aveva deposte (ci sono testimoni e articoli di giornale). Ma pare
che tanto questo non conti… in fondo ognuno qua racconta la sua di verità,
mica
LA VERITA!!!
Ed infatti la normale pulizia della spiaggia viene proposta all’ignaro lettore
come una strage di tartarughine (eventuali nidi). Ma il peggio ha da venire…
l’apice del surrealismo si raggiunge quando si parla di una pista per suv (la
gente colta non li chiama più fuoristrada… sai, suv fa più chic).


Ma per caso questa pista è quella che è tornata in possesso del comune..? No,
perchè fino a qualche settimana fa, quando l’abusivo possesso di quella strada
era di qualcun’altro, non sembrava desse fastidio…


Diciamocelo pure… non ne possiamo più di queste strane coincidenze e di
questo tempismo straordinario nel vomitare fesserie!


Perchè non dicono mai cosa c’è dentro a quest’area protetta? Perchè non dicono
che il “cardellino” assieme ad altri volatili non nidifica più nella zona
perchè sterminato dai pesticidi usati per la disinfestazione degli agrumeti?


E poi: è vera la notizia della riunione tra Soprintendenza, Provincia,
Ministero e Comune? Perchè noi cittadini non ne sappiamo nulla? Perchè il blog
del comune non viene usato anche per dare queste informazioni? Dove sono le
forze politiche in questo paese?
Tutte
placidamente assopite nei tepori primaverili..? E’ ora di darsi una mossa…
SVEGLIA GENTE!
RIFIJJAMUNI!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: