Pubblicato da: Emanuele Codispoti | 4 marzo 2008

Insieme per Riccardo Pio

Cari amici, la visibilità che ha ottenuto questo umile spazio ci permette oggi di occuparci di qualcosa di diverso, di più grande. La rete di siti e blog dà la possibilità di portare a conoscenza di eventi, fatti e storie il maggior numero di persone possibile (numeri impensabili con altri mezzi). In fondo internet è anche questo.

Quella che vi voglio raccontare oggi è la storia di un bambino calabrese, di Spezzano Albanese per la precisione. Una storia che parte dalla Calabria e arriva fino agli Stati Uniti. Il suo blog l’ho incontrato per caso mentre facevo una ricerca… ma, forse, niente avviene per caso.

Riccardo Pio D’Avanzo, Riccardino come lo chiamano tutti, ha 5 anni e 4 mesi. Non parla, non cammina, non regge la testa e si alimenta con un sondino gastrico. All’età di 5 mesi gli viene diagnosticata la Sindrome di West, una malattia che colpisce un bambino ogni 150.000 e che porta ritardo mentale e psicomotorio. Da lì tante ricerche che portano la famiglia a scoprire un centro riabilitativo per la cura di questa malattia a Miami, in Florida. Lì i bambini come Riccardino, trattati con l’ossigeno terapia oltre che alla fisioterapia, traggano diversi benefici. Ad una bimba, dopo 4 mesi di terapia, i medici hanno detto che non aveva più bisogno del sondino per alimentarsi, altri sono riusciti a camminare e a parlare.

Nonostante l’elevato costo della terapia (circa 300.000 euro all’anno) il 20 ottobre scorso, grazie ad una gara di solidarietà che ha coinvolto oltre a migliaia di persone comuni anche personaggi noti, Riccardino è partito con i genitori, direzione Miami, per il viaggio più importante della sua vita e oggi vive in Florida, dove, grazie alle terapie dell’Ocean Medical Center, comincia a mostrare i primi segni di miglioramento. Il ritorno, dal primo dei tre anni di terapia previsti, dovrebbe essere il prossimo agosto. La somma raccolta fin’ora permetterà al piccolo di concludere il ciclo di terapie per il primo anno. Ne restano altri due.

Quello che vi chiedo è di visitare il suo blog:

 

http://riccardopio.blog.tiscali.it//

 

Se poi vi commuoverà anche solo la metà di quanto ha commosso me, allora saprete cosa fare.

Annunci

Responses

  1. Caro Emanuele sono Giulia la mamma di Riccardo Pio,ti ringrazio per aver postato per mio figlio,sei stato molto gentile,approfitto per dire una cosa o meglio smentire una cosa…………..cioè si parla tanto male dei giovani se ne sentono di tutti i colori,finiamola di fare di tutta l’erba un fascio io per prima posso dire a voce alta che ci sono tantissimi bravi ragazzi perchè se siamo quì se Riccardino stà facendo la terapia in Florida è merito di tane persone di cui il 90% sono giovani ragazzi,hanno fatto tantissimo per mio figlio di tutto,da serate di beneficienza a cene di beneficienza,da interviste TV volantinaggio vi dico che si sono fatti in 4 per mio figlio e ripeto sono tutti ragazzi perciò finiamla di parlare male di questi giovani che se non hanno un futuro è solo colpa dello Stato che non crea posti di lavoro e non perchè sono vagabondi,scusa per il mio discorso,ma essendo tu un giovane ragazzo mi è venuta l’ispirazione,approposito benvenuto nella squadra della solidarietà "Un sorriso per Riccardo Pio"
    Domani iti srivo con più calma ora ho sonno. buona giornata a tutti voi di SANT’ANDREA SPERANDODI VENIRE A TROVARVI AL NOSTRO RIENTRO.BACI GIULIA & RICCARDO PIO

  2. e sempre con enorme piacere che leggo sia per a volte la durezza e la determinazione con cui porti avanti le tue battaglie e sia ,come in questo caso la sensibile leggerezza con la quale leggendo questo tuo ci fai tornare ( a me fa questa inpressione) alla realta’ ricordandoci che ci possiamo nonostante la frenesia , fermare a pensare che in questa dove tutto sembra virtuale purtroppo la sofferenza di tante, tantissime persone non lo e’…..io per far si che possa essere visto ancora di piu’ ho copiato il tuo intervento  e lo messo sul mio ….spero di aver fatto bene.saluti .massimo


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: